ps46_jukejoint

Blues

Juke Joint

 12,00

COD: PS046 Categoria: Tag:

Arrangiamenti e Produzione artistica: Juke Joint

Musicisti: Guido Migliaro: chitarre, armonica,voce – Umberto Sirigatti: basso, voce – Enzo Di Domenica: chitarra, voce – Nicola Orabona: batteria – Luciano Nini: clarinetto e clarino basso – Renato Federico: piano e organo – Lello Aucelli: voce – Nini Liccardi: contrabasso – Gaia Fusco: cori – Gabriele Del Vecchio: piano – Stefano De Stefano: piano
Qualche notizia Tecnica

Studio: Il Parco – Napoli

Sound engineer: Carlo Gentiletti

Il lavoro è stato registrato in digitale su Protools HD
Una breve presentazione:

In un epoca in cui “contaminazione è il sostantivo più usato per tentare di descrivere nuove musiche, trovare una band che semplicemente suona blues è stato come una doccia tonificante dopo una giornata di stress.

la semplicità di un basso due chitarre (per di più acustiche) e batteria è vincente.

Il blues non t’inganna con tonnellate di suoni sintetici, con accordi di 32° o con tempi in 7/25, il blues è diretto, ci sarebbe da dire che è facile se in realtà non fosse difficile.

Si perchè il blues ha bisogno dell’unico ingrediente che nella musica e nella vita non s’impara:”il cuore”.

Gli accordi, le parole, i temi, in questa musica, sono in realtà sempre gli stessi, un pò come accade nella vita dove le gioie, i problemi, i dolori, le storie d’amore si ripetono per tutti nello stesso modo.

La differenza la fa il come: quando Guido canta e grida, le sue storie vivono, sono reali, ti trasmettono buio o luce, quando basso e batteria battono insieme inesorabili e precisi capisci il ritmo primordiale, quando le chitarre accompagnano, si lamentano, ti accarezzano o imprecano e bestemmiano ti convinci che i Juke Joint hanno da dire qualcosa: i Juke Joint sono un gruppo blues.

Juke Joint

Nascono nel 1999 con l’idea di recuperare lo spirito e i suoni dei Blues delle origini, quelli per intenderci del Delta del Mississippi, dei Saturday Night Balls (i balli del sabato sera) e dei “juke joint” appunto (improvvisate strutture/ritrovo per gli Afroamericani di quei tempi, dove incontrarsi, bere liquore di contrabbando, fare “acchiappanze” ed ascoltare e ballare i Blues).

Scegliemmo di suonare strumenti prevalentemente acustici per rispettare al massimo le radici di quella musica. La nostra fedeltà ed ammirazione per i grandi interpreti del passato ha sfiorato a volte eccessi di filologia.

Tuttavia non ci é mai piaciuto pensare al Blues come ad un fenomeno d’antologia o peggio ancora da museo.

Preferiamo sentirlo come una materia viva e in continuo movimento con la quale plasmare le Nostre canzoni.

Che dire del nostro “Roll the Belly!”?

Forse sarebbe stato più facile realizzare un disco con brani standard o, detto in maniera impropria, con cover di autori classici.

Avremmo potuto fare riferimento a suoni, arrangiamenti e soluzioni armoniche già rodate. Il lavoro sarebbe stato probabilmente più omogeneo ed equilibrato o come si direbbe oggi “musically correct”.

Quella strada però non ci emozionava, francamente temevamo che sarebbe venuto fuori un disco italiano di Blues “bellillo ma inutile”. Basta ascoltare, per intenderci, la nostra versione di Kindhearted Woman di Robert Johnson: é rigorosamente fedele alla scrittura originale, tutto sommato suonata bene, forse a tratti addirittura emozionante ma non potrà mai competere con l’irripetibile versione originale di Robert.

…Tanto vale, ci siamo detti, rischiare con un lavoro che magari non accontenta tutti ma che almeno ha dentro la nostra musica…

Guido Migliaro (chitarre, armonica, voce)

Cofondatore per anni dei “Blues Stuff”, chitarrista di Eduardo Bennato, con il quale ha collaborato in studio e dal vivo. Attualmente è docente di musica d’insieme nella sezione Blues della scuola Otto Jazz Club – Napoli

Umberto Sirigatti (basso, voce)

Cofondatore, bassista e lead vocalist della funk band “Little Italy”, dopo vrie esperienze come musicist e come sound engineer, ha sposato la causa blues con il trio “Blake Snake” prima di varare, con il compare Guido, il progetto Juke.

Enzo Di Domenico (chitarra, voce)

Fondatore e chitarrista della band rockabilly “Cock’o Drills”, che ha diffuso il “verbo” di Elvis in mezza Europa; ha intrapreso l’avventura Juke dopo l’esperienza con i “Blues Stuff”.

Nicola Orabona (batteria)

Ha picchiato tamburi per Lello Panico, Pietro Condorelli, Cock’o Drills e altri. Dopo aver conseguito il diploma alla Berkley School di Boston è ora insegnante di batteria nella Yamaha School di Avellino.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.