ps12_antonio

Jazz Mediterraneo

Antonio Onorato

 12,00

Esaurito

COD: PS012 Categoria: Tag:

Anno di pubblicazione: 1996

Arrangiamenti: A. Onorato

Arrangiamento archi: Piero De Asmundis

Musicisti: Antonio Onorato: chitarre – Piero De Asmundis: piano, keyboards – Dario Franco: basso – Mario De Paola: batteria


Qualche nota dell’autore

E’ il mio primo concept-album, dove la melodia araba e napoletana incontra il suono del vento e i nativi americani, popolo che sento molto vicino.

Questo lavoro contiene anche alcune ballads tra le mie preferite, tanta breath guitar e la mitica batteria di Umberto Guarino nel brano “Grido Silenzioso”.


Qualche notizia Tecnica

Studio: Midi Grove – Napoli –

Sound engineer: Giorgio Savarese

Antonio Onorato

ANTONIO ONORATO (Aquilonia, 13 gennaio 1964) Compositore e chitarrista, ha una carriera artistica ventennale di grande rilievo nel mondo del Jazz e non solo: Studioso di etnomusicologia, la sua ricerca si basa sulla fusione degli stilemi armonico-melodici del linguaggio della cultura napoletana, con la musica afro-americana, medio-orientale e brasiliana che lo hanno portato ad individuare un linguaggio del tutto personale. Nel corso della sua carriera ha tenuto concerti in tutto il mondo, calcando anche il palco del Blue Note di New York, uno dei tempi internazionali del jazz e nel 2002, con una delegazione di artisti italiani si recò a Baghdad per protestare contro la seconda guerra del golfo. Dei 23 album pubblicati nei suoi 25 anni di carriera, due sono stati realizzati in Africa e altri vedono la partecipazione di grandi icone della musica tra cui Toninho Horta e Franco Cerri. Progetti e collaborazioni anche con Eddy Palermo, Enrico Rava, Tullio De Piscopo, James Senese, Joe Amoruso, Mike Mainieri e l’attore Enzo Decaro, per citarne alcuni. Dal 2012 al 2014 è stato Special Guest in alcuni concerti di Pino Daniele. Numerose le partecipazioni come solista, nel corso della sua carriera, a Festival internazionali accanto a nomi d’eccellenza come John Scofield, Jan Garbarek, Charlie Haden, Steve Grossman, John McLaughlin, Pat Metheny, Tito Puente, Toots Thielemans, Tuck & Patti, Gary Burton, George Benson. Dalle esperienze di confronto con culture diverse, in particolare con quella dei Nativi d’America, di cui ne segue da anni gli insegnamenti, ha sviluppato composizioni che coniugano il jazz-rock con la world music, scrivendo anche composizioni e temi per orchestra sinfonica che risulta essere la sua più grande passione. E’ l’unico musicista riconosciuto come professionista della Yamaha g10 – breath guitar (che lui stesso ha ribattezzato “chitarra a fiato”) strumento che definisce “rivoluzionario e futuristico”, di cui ha dovuto sperimentare delle tecniche personali per poterla suonare. Tanti i premi e riconoscimenti ricevuti nei suoi 25 anni di carriera, anche una Targa d’argento del Presidente della Repubblica Italiana e nel 2014 ha ricevuto il premio Nino Rota alla carriera.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.