Di altri sguardi

Jazz Mediterraneo

Mariano Bellopede

 12,00

COD: PS087 Categoria: Tag:

Track list:

  1. Jasmine’s Elegy
  2. Paquito
  3. Till The Rain
  4. La Mer Vers l’Italie
  5. Fuoco a Mare
  6. Dormi Ancora un Po’
  7. Sabir
  8. Springtime Revolution
  9. Una Canzone Bianca
  10. Song For My Sister’s Son

Un viaggio dell’animo, viaggi sonori, immaginifici. Luoghi che ho immortalato nel cuore, lontananze di cui ho sentito parlare al Porto di Algeciras, un uomo alto che aveva gli occhi neri. Mi parlava di altri sguardi, di incontri fatti in viaggio. E ancora la taverna del porto di Ceuta, dopo aver passato lo stretto di Gibilterra: i colori ed i suoni urlanti di amore per la terra e per il mare che li bagna, il Mediterraneo.
Antico, vissuto, sfruttato e abusato, sporcato di nero, di rosso e di verde ma sempre vivo, più vivo di tutti gli oceani.. così vivo da far spavento per la quantità di culture diverse che ingloba.
Per ognuno di questi posti mi ha ispirato una storia, un evento, in qualche caso fin troppo noto, in altri casi fin troppo intimo. Per ogni storia un brano. 10 tracce, dieci ricordi, dieci storie dal Mediterraneo. Mariano Bellopede

“DI ALTRI SGUARDI – Racconti dal Mediterraneo” è il nuovo progetto artistico di Mariano Bellopede. Verrà presentato ufficialmente il 2 luglio 2015 alle ore 18.00 presso la Feltrinelli di p.zza Dei Martiri a Napoli, con un’anteprima al JAZZIT Festival (Terni) il 26 giugno. E’ prodotto dalla POLOSUD, storica etichetta napoletana diretta da Ninni Pascale e dalla BANCO FACTORY (fucina creativa del BANCO DEL MUTUO SOCCORSO diretta da Mario Valerio Nocenzi ). E’ un disco fortemente ispirato, che va aldilà della musica. Ognuno dei dieci inediti di Bellopede è ispirato ad un evento della recente storia del Mediterraneo (dalla primavera araba ai viaggi di speranza, dai migranti ai racconti dei viaggiatori in barca a vela). Ad ogni brano, all’interno del booklet, è associato un piccolo testo ( da una poesia di Nazim Hikmet o di Erri De Luca, ad un racconto di Gianluca Solera, da un articolo di Massimiliano Virgilio ad un’intervista di Simone Perotti di Progetto Mediterranea) che conduce ad un ascolto ancora più poetico. Il tutto condito dalle meravigliose foto di Alessandro Bellopede, reporter di viaggi nonché fratello di Mariano. Le sonorità sono jazz/world :
ad un trio di base (formato da Mariano al pianoforte Alex Anzalone al basso elettrico , acustico o contrabbasso e Davide Esposito alla batteria), si affiancano altri musicisti tra cui Gigi Patierno ai fiati, Gino Evangelista all’ oud, Federico Luongo alla chitarra elettrica, gli Ondanueve String Quartet e la voce di Alessio Arena, vincitore di Musicultura 2013 (anche autore del testo dell’unica canzone contenuta nell’album: UNA CANZONE BIANCA).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.